Questo sito utilizza i cookie, sia tecnici che analitici anche di terze parti, cliccando su OK, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Cookie Policy

Ok

Tutti i nostri prodotti vengono lavorati, trasformati e confezionati nel pieno rispetto delle norme vigenti.

Nonostante tutto, alcuni prodotti che manipoliamo ossia ARACHIDI, FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE ed ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2), in quanto ALLERGENI, potrebbero arrecare disturbi quali INTOLLERANZE e/o ALLERGIE.

L'ARCOBALENO DELLE TRADIZIONI SRL, con il presente avviso, intende sollevarsi da qualunque responsabilità derivante da eventuali problemi che potrebbero intercorrere con il consumatore finale, il quale prende visione e coscienza di quanto scritto e conferma il consenso alla navigazione ed all'eventuale acquisto.

Tutti i nostri prodotti vengono lavorati, trasformati e confezionati nel pieno rispetto delle norme vigenti.

Nonostante tutto, alcuni prodotti che manipoliamo ossia ARACHIDI, FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE ed ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2), in quanto ALLERGENI, potrebbero arrecare disturbi quali INTOLLERANZE e/o ALLERGIE.

L'ARCOBALENO DELLE TRADIZIONI SRL, con il presente avviso, intende sollevarsi da qualunque responsabilità derivante da eventuali problemi che potrebbero intercorrere con il consumatore finale, il quale prende visione e coscienza di quanto scritto e conferma il consenso alla navigazione ed all'eventuale acquisto.

  • Nuovo

Peperoncino Intero

Il pepe rosso, O pepe di Caienna o peperoncino forte della Guinea, è il frutto del Capsicum frutescens, un arbusto tropicale che può arrivare a quasi un metro di altezza. Il frutto è una bacca.

Il peperoncino rosso deriva dal Capsicum annuum. Quando è in polvere si chiama paprika. Il pepe di Caienna è originario dell'America tropicale, ma ora è coltivato in molte zone del mondo e si è affermato nella cucina di molte culture, in particolare nel Sud-Est asiatico, in Cina, nell'Italia meridionale.

2,50 €

Peso


Descrizione

L'uso del peperoncino è molto esteso: è stato usato per l'asma, la febbre, il mal di gola e altre infezioni respiratorie, per i disturbi digestivi e il cancro, e come ingrediente di numerosi cataplasmi. Da un punto di vista nutrizionale i peperoncini sono ricchissimi di elementi nutritivi, in particolare di vitamina C e carotenoidi. Si pensa che la maggior parte degli effetti benefici del peperoncino sia dovuta alla capsaicina, che provoca l'effetto irritante (piccante, bruciante) quando è ingerita o posta a contatto con la pelle.

Questo effetto è mediato da una sostanza detta ‘sostanza P' ('P' è l'iniziale di pain, dolore' in lingua inglese). La capsaicina stimola il rilascio della sostanza P dalle cellule nervose, il che provoca irritazione e dolore; però, una volta che la sostanza P è stata emessa, la capsaicina impedisce il riformarsi delle scorte di sostanza P. Il risultato finale è che la capsaicina elimina la sostanza P, e quindi blocca la sensazione di dolore. Formule a base di capsaicina hanno dati risultati molto positivi in applicazioni cutanee nella psoriasi, nell'artrite reumatoide e nella neuralgia post-erpetica. Il peperoncino ha effetti benefici anche per via interna. Ancora più importanti, infatti, sono i suoi effetti di stimolazione e di miglioramento della digestione, principalmente grazie alla stimolazione degli acidi gastrici.

Chi soffre di ulcere peptiche attive può essere spaventato dai cibi piccanti che contengono peperoncino, ma nelle persone normali gli alimenti speziati non provocano ulcere, e addirittura ci sono indicazioni che i cibi piccanti, che con tengono peperoncino e curcuma, abbiano in realtà un effetto curativo sulle ulcere peptiche. Il peperoncino ha anche numerosi effetti benefici sul sistema cardiovascolare: in particolare riduce il rischio di aterosclerosi perché abbassa il colesterolo e i trigliceridi, riduce l'aggregazione delle piastrine e aumenta l'attività fibrinolitica.

Attività fibrinolitica significa la capacità dell'organismo di prevenire la formazione di trombi, che potrebbero altrimenti provocare un attacco di cuore, un infarto o un embolo polmonare. Le culture che consumano molto peperoncino hanno una scarsissima incidenza di queste patologie.

È interessante registrare che la capsaicina, nonostante il suo effetto bruciante', in realtà abbassa la temperatura corporea, perché stimola il centro del raffreddamento dell'ipotalamo, l'area del cervello dove hanno sede i centri regolatori della temperatura corporea.

Pa

re che l'abitudine di mangiare peperoncini offra agli abitanti dei paesi caldi un sistema efficace per resistere alle alte temperature.

I peperoncini piccanti si trovano in molte forme: interi freschi, interi secchi, secchi spezzettati o macinati. Scegliete secondo le indicazioni della ricetta.

Il peperoncino piccante aggiunge un tocco bruciante alle ricette. Si usa in molti piatti ed è usato frequentemente nelle ricette della cucina creola, spagnola, messicana, thailandese, dell'India orientale, e in quella italiana.

Il pepe di Caienna è un ingrediente del chili, la polvere piccante che le assomiglia all'aspetto; ma in realtà la polvere di chili è composta di diversi ingredienti, fra cui il pepe di Caienna, il comino, la curcuma, lo zenzero e l'origano.

Può contenere tracce di:
ALTRA FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, ARACHIDI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE, ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2).

50 Articoli