Questo sito utilizza i cookie, sia tecnici che analitici anche di terze parti, cliccando su OK, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Cookie Policy

Ok

Tutti i nostri prodotti vengono lavorati, trasformati e confezionati nel pieno rispetto delle norme vigenti.

Nonostante tutto, alcuni prodotti che manipoliamo ossia ARACHIDI, FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE ed ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2), in quanto ALLERGENI, potrebbero arrecare disturbi quali INTOLLERANZE e/o ALLERGIE.

L'ARCOBALENO DELLE TRADIZIONI SRL, con il presente avviso, intende sollevarsi da qualunque responsabilità derivante da eventuali problemi che potrebbero intercorrere con il consumatore finale, il quale prende visione e coscienza di quanto scritto e conferma il consenso alla navigazione ed all'eventuale acquisto.

Tutti i nostri prodotti vengono lavorati, trasformati e confezionati nel pieno rispetto delle norme vigenti.

Nonostante tutto, alcuni prodotti che manipoliamo ossia ARACHIDI, FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE ed ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2), in quanto ALLERGENI, potrebbero arrecare disturbi quali INTOLLERANZE e/o ALLERGIE.

L'ARCOBALENO DELLE TRADIZIONI SRL, con il presente avviso, intende sollevarsi da qualunque responsabilità derivante da eventuali problemi che potrebbero intercorrere con il consumatore finale, il quale prende visione e coscienza di quanto scritto e conferma il consenso alla navigazione ed all'eventuale acquisto.

  • Nuovo

Farina di Castagne

Alimento ricco di proteine, ferro, fosforo e vitamina B, le castagne hanno un alto valore nutritivo: un chilogrammo di castagne fresche fornisce all'organismo quasi 2000 calorie. Ottima la reputazione nella medicina popolare: raccomandato l'uso della farina di castagne in cataplasmi contro molte affezioni; in impasto con aceto e farina d'orzo serve per ammollire i seni delle lattanti e sciogliere il latte rappreso. 

4,00 €

Peso


Descrizione

CENNO STORICO

Per lungo tempo si è creduto che il castagno fosse stato portato in Europa dall'Oriente in epoca romana. I primi chiari riferimenti al castagno e ai suoi frutti pare siano, nell'ordine, quelli del greco Nicandro e quelli, più recenti, di Virgilio. Più tardi Plinio si addentra nel tema con maggiore profondità e parla di almeno otto varietà di castagne conosciute ai suoi tempi. A demolire la tesi della provenienza asiatica sovvennero poi i reperti di aree preistoriche. Da essi risulta che già alla fine del Terziario esistevano in Europa castagni progenitori degli attuali (depositi glaciali di Pianico-Sellere e della provincia di Varese). Il castagno è presente con  continuità lungo tutto l'arco dei secoli fino ai giorni nostri.

 

PAESI PRODUTTORI

I maggiori produttori di castagne sono l'Italia, la Spagna, il Portogallo e gli Stati Uniti.

 

ESSICCAZIONE

Per potere conservare a lungo le castagne è necessario essiccarle. Pratica tipica delle popolazioni montane l'essiccazione veniva effettuata con metodi rudimentali e casalinghi: tutte le abitazioni di campagna delle aree interessate a castagneto erano fornite, in cucina, ad altezza del soffitto, di graticci di legno sui quali venivano posti i frutti. Provvedevano il calore ed il fumo a provocare col tempo l'essiccazione. Dalle castagne secche viene ricavata la farina di castagne, molto utilizzata in cucina.

 

VARIETA

Da un punto di vista commerciale si distinguono quattro gruppi varietali:

Castagne: è un gruppo che comprende moltissime varietà che derivano tutte dal castagno europeo. I frutti, definiti commercialmente castagne, sono caratterizzati da una pellicola interna che penetra in profondità nella polpa, in alcuni casi fino a dividerla (frutti settati). Le pezzature possono essere molto diverse, da 45 fino a 110 frutti in 1 kg. Di seguito elenchiamo le varietà più diffuse: Castagna della Madonna di Casale d'Alba (a maturazione precoce), Bracalla, Garrone rosso, Pistoiese, Reggiolana, Castagna di Montella (probabilmente la migliore per essere essiccata), N’zerta, Reggiola, Tempestiva di Roccamonfina, Gabbiana.

Marroni: gruppo varietale che deriva dal castagno europeo, ha frutti interi, non settati, con la pellicola che non penetra nell'interno della polpa e che si stacca con facilità nelle operazioni di pelatura. La pezzatura dei frutti è mediamente grossa, da 55 a 70 frutti per kg. Le varietà più diffuse sono le seguenti: Marrone Fiorentino, Marrone di Caprese Michelangelo, Marrone di Viterbo, Marrone di Marradi, Marrone di Castel del Rio, Marrone di Susa, Marrone di S. Mauro di Saline, Marrone di Chiusa Pesio, Marroncino di Borgovelino, Marrone Comballe, Marrone Bouche Rouge, Marrone Belle Epine.

Giapponesi: varietà derivate dal castagno giapponese (Castanea Crenata) caratterizzata da piante di sviluppo ridotto, adatte alla coltivazione in spazi limitati. La pezzatura media dei frutti è di 60-65 pezzi per kg. Le varietà più comuni sono la Tanzawa e la Ginyose.

Ibridi Eurogiapponesi: derivano dall'incrocio fra il castagno europeo e quello giapponese e sono caratterizzati da una notevole precocità di produzione e da una elevata pezzatura media dei frutti. Le varietà più diffuse sono la Primato, la Precoce Migoule, la Bournette, la Bouche De Betizac e la Marsol.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

La castagna secca ha un valore nutritivo inferiore a quello della castagna fresca, ma non per questo meno interessante. Si è constatato, infatti, che mantiene gran parte del potere vitaminico malgrado la cottura. Con la sottrazione dell'acqua risultano ancora più accresciute le sostanze che nel frutto sviluppano calorie: amidi, zuccheri, sostanze azotate, grassi.

VALOROI NUTRIZIONALI MEDI PER 100 GRAMMI DI PRODOTTO EDIBILE

Calorie                        kcal                   374

Energia                       kj                     1565

Grassi                         g                       4,45

Proteine                      g                       6,39

Carboidrati                  g                     77,31

Può contenere tracce di:
ALTRA FRUTTA A GUSCIO, SEMI OLEOSI, ARACHIDI, CEREALI CONTENENTI GLUTINE, ANIDRIDE SOLFOROSA (SO2).

50 Articoli